Sommocolonia

Sommocolonia (705 m.S.l.m.)

Sommocolonia (da “Sommo-Cologna” colonia in alto – “Summo Colonia” – “Sommocologna”),antica colonia romana insediatasi intorno al 177 a.C, dopo la deportazione a Taurasi nel Sennio dei Liguri-Apuani, sconfitti dai romani dopo una lunga e cruenta guerra svoltasi in tutta la valle del Serchio, i romani vista la sua posizione strategica vi costruirono un “Castrum”, che in epoca longobarda venne ampliato e costruito tutto in muratura, ulteriori modifiche vennero apportate anche in epoca medievale, nella parte più in alto del colle, sorgeva la rocca, con un perimetro murario di circa 150 metri dalla forma semi-ovale), era divisa in due parti la zona nord chiamata “Orto di rocca”, era adibita alla coltivazione e la zona sud chiamata “Piazza di rocca”, era adibita ai consueti usi militari e civili (assemblee, rassegne dei soldati…..), ogni lato disponevano di una torre a base quadra e all’interno della rocca esisteva una cisterna per l’acqua piovana, rendendo la rocca autosufficiente per lunghi periodi. Il borgo era racchiuso all’interno delle spesse mura di cinta del castello, che in alcuni tratti vennero costruite sopra del terreno franoso (nel 1561 ne caddero venticinque braccia) e disponeva di una porta ubicata nella parte bassa del borgo.Sommocolonia nel X secolo, appartenne al feudo dei Ronaldinghi, che il 20 luglio 983 ottennero in allivellamento dal Vescovo di Lucca Teudigrimo la pieve di Loppia e i suoi beni e come gli altri castelli del feudo, quando i lucchesi penetrarono nella Valle del Serchio lottò a lungo per sottrarsi alla loro giurisdizione, ma poi nel XIII secolo come la vicina Barga dovette cedere a Lucca, nel 1272 il castello ormai sotto le insegne lucchesi venne inserito nella”Vicaria di Barga”, Sommocolonia come Barga più di una volta cercò di sottrarsi al dominio lucchese, come avvenne nel 1319, quando Castruccio Castracane Signore di Lucca assaltò e prese con la forza la sua rocca.L’11 novembre 1343 gli uomini di Sommocolonia e di Barga si dettero volontariamente ai fiorentini, che inviarono a protezione dei due castelli una compagnia di fanti, nel 1363 i due castelli furono assaltati dai pisani, ma dopo una lunga battaglia i fiorentini riuscirono a liberarli.Dal XV al XVI secolo, il castello attraversò il periodo più turbolento della sua storia, nel 1436 rimase coinvolto nella guerra fra i Visconti di Milano e il Visconte di Venezia alleato a Firenze e Genova, venendo occupato dai milanesi sotto il comando del comandante Niccolò Piccinini e nel 1530, sotto il comando di Capitan Galletto, le sue milizie tentarono un colpo di mano su Barga, piccolo conflitto risoltosi con una sconfitta e con la distruzione di una parte delle difese (venne abbattuta anche la torre a nord), ulteriori distruzioni avvennero nell’intero borgo in occasioni dei terremoti del 1740 e del 1920, ma i danni maggiori furono inferti durante l’ultimo conflitto mondiale, il 27 dicembre 1944 un aereo statunitense durante un bombardamento, centrò l’antica chiesa di S.Frediano, radendola al suolo e una cannonata sparata dai tedeschi, nello stesso periodo centrò la torre sud, abbattendo tre dei suoi quattro lati.
Da visitare: Le rovine della rocca e l'intero borgo

Rif.http://www.contadolucchese.it/Barga.htm











































































































Commenti

Post popolari in questo blog

Il lago di Vicaglia

Alpe di Sant' Antonio

Romitorio di San Bartolomeo ( Borgo a Mozzano )